Salsa ai funghi champignon con tartufo di Acqualagna: aroma di bosco da portare in tavola

Una preparazione che unisce i sapori d’eccellenza di un territorio unico. È ottima come ingrediente per bruschette, frittate e primi piatti a base di tartufo nero 

Marche

Il lato più intenso delle Marche si gusta nei suoi tartufi, ma anche nelle preparazioni che sanno esaltare questo ingrediente così raffinato. È il caso della Salsa ai funghi champignon con tartufo di Acqualagna, che mette sottovetro questa combinazione di sapori, unita ad olio extravergine di oliva, erbe aromatiche e sale. La ricetta - messa a punto da Acqualagna Tartufi - vede protagonista il “nero estivo” e si presta come base per bruschette e frittate, ma anche come ingrediente per condire primi piatti.

Questa specialità non poteva che nascere ad Acqualagna, piccola città nell’entroterra della provincia di Pesaro e Urbino, nota anche come la capitale del tartufo. Da sempre il suo territorio custodisce il prezioso tubero che qui, grazie alle qualità del clima e dei terreni, si può trovare (e gustare) in ogni stagione nelle sue diverse varietà. Inoltre, le caratteristiche dell’area hanno portato nel tempo al fiorire di numerosi eventi che – lungo tutto l’anno – celebrano l’amato tartufo e la plurisecolare attività di ricerca, produzione e commercializzazione legata a questi luoghi.

Tutto quello che avreste sempre voluto sapere sul tartufo. Spiegato da chi se ne intende

A completare il quadro ci pensa la tradizione portata avanti da Acqualagna Tartufi che prende le mosse da un’attenta raccolta nelle zone locali. La trasformazione avviene poi secondo antiche tecniche artigianali combinate con moderne tecnologie. Lo stabilimento ospita tutti i passaggi del processo produttivo: dalla scelta delle materie prime, alla sterilizzazione, passando per la pulitura, la cottura secondo le ricette tradizionali e infine il confezionamento.  La produzione non si limita alle sole specialità al tartufo, ma prevede altri prodotti fra cui funghi e formaggi stagionati, lavorati con la stessa cura e nel rispetto del sapere conservato e tramandato lungo le generazioni.



Stampa in PDF