Zucca Delica: la regina dei tortelli

La polpa pastosa e il sapore dolce ne hanno fatto un must della tradizione mantovana che la valorizza in numerosi piatti 

Emilia-Romagna

La zucca Delica porta con sé il profumo dell’autunno e il gusto della tradizione. Ed è vero specialmente nelle terre di Mantova, dove questo ortaggio è simbolo di una cucina antica e ricca di segreti. La Delica è infatti l’ingrediente base nella preparazione dei celebri tortelli di zucca mantovani, ma anche del risotto, degli gnocchi di zucca, o della tradizionale crema di zucca di questi territori. È inoltre perfetta cucinata al forno, oppure fritta o lessata. Il segreto sta nella sua polpa pastosa e compatta, nella consistenza asciutta e versatile, ma anche nel sapore particolarmente dolce che ha saputo conquistare gli chef di ogni latitudine. Riconoscerla è facile: la zucca Delica, è piccola (di norma si aggira attorno a un kg) e ha forma tondeggiante, lievemente schiacciata. La polpa è giallo intenso o arancione, mentre la buccia è di colore verde scuro, con leggere solcature che diventano marroncine una volta raggiunta la completa maturazione.

Zucca e amaretti, unione perfetta nei tortelli mantovani

Conosciuta anche con il nome di “zucca mantovana”, la varietà Delica affonda le radici in Giappone per diventare, nel tempo, una delle più diffuse in Italia. Qui è infatti molto amata per le qualità organolettiche e per la possibilità – viste le ridotte dimensioni - di acquistarla intera. In più, la zucca Delica è una delle varietà più precoci, in grado di arrivare in tavola già durante l’estate, contando sulla produzione nazionale. In particolare, le coltivazioni si concentrano in Lombardia, oltre che in Veneto e in Emilia Romagna. Dopo la raccolta, le zucche Delica vengono di norma conservate lontano dalla luce (a temperatura controllata), e messe in commercio per tutto l’autunno fino agli ultimi giorni di dicembre.

Oltre ad essere fiore all’occhiello della cucina mantovana, la zucca si distingue per le proprietà antiossidanti e diuretiche, nonché le tante virtù che la caratterizzano. Si tratta infatti di un alimento a bassissimo apporto calorico (circa 17 calorie per 100 grammi), dovuto alla grande concentrazione di acqua che rappresenta circa il 94% del prodotto. Oltre a essere leggera, è ricca di vitamina A e C. Per riconoscere senza indugio una zucca Delica di buona qualità, occorre osservarne la polpa che non deve presentarsi secca in superficie, o con semi anneriti, ma ben compatta e soda. Per conservarla a lungo è bene tenerla in un luogo fresco e asciutto. Si manterrà così croccante e gustosa, pronta a finire nel piatto con scelte semplici o più elaborate, ma comunque fedeli alla tradizione mantovana che, da sempre, offre alla zucca Delica un ruolo d’onore.

 



Stampa in PDF