Salsa cren, il lato irresistibile del rafano

Dalla radice di rafano si ottiene una crema speciale con proprietà balsamiche e un sapore che ricorda la senape 

Trentino Alto Adige

La salsa di rafano o cren è un crema che soddisfa i palati più forti. Un wasabi italiano, direbbero alcuni, il cui sapore, deciso e piccante, appartiene alle tradizioni di diverse regioni del belpaese. Il rafano è una radice che cresce spontanea in collina e nei territori montani, soprattutto nelle arre del Nord e sull’appennino Tosco-Emiliano. La crema che si ottiene da questa radice diventa ingrediente capace di fare la differenza, un modo semplice per aggiungere toni pungenti ad antipasti e secondi piatti, con la sicurezza che non passeranno inosservati. La salsa cren si può ritrovare in diverse varianti a seconda delle regioni, ma è cara soprattutto alla cucina trentina, veneta e friulana, così come è di casa in Piemonte ed Emilia Romagna.

Rafano, la radice balsamica dalle grandi doti

La ricetta per preparare la salsa cren in casa non è difficile. L’importante è stare attenti a bilanciare bene le dosi, e quindi i sapori. Si parte dalla radice del rafano, bianca e allungata, che viene tritata e mischiata con pane e aceto. La preparazione ha diverse sfumature a seconda delle tradizioni, ma il risultato è ovunque speciale: una salsa decisa, intensa, che ricorda un po’ la senape e un po’ la più celebre specialità giapponese. Una crema densa e corposa per rendere speciali secondi piatti di carne, e accompagnare al meglio bolliti e arrosti, oppure zampone e cotechino che non possono mancare sulle tavole invernali, ma anche piatti a base di pesce, uova e salsiccia come si usa nella tradizione gastronomica tedesca e austriaca. La salsa cren è un’ottima soluzione anche per un aperitivo più saporito del solito: a tal fine si consiglia di provarlo spalmato su tartine insieme al salmone; oppure accanto al  prosciutto cotto in crosta di pane strizzando l’occhio all’usanza triestina.

Nel carattere forte di questa salsa si nascondono inoltre le tante proprietà del rafano (chiamato anche barbaforte), una pianta erbacea perenne famosa per essere un antibiotico naturale. Potente analgesico, la radice del rafano gode inoltre di virtù balsamiche, il che lo rende un grande alleato per combattere le congestioni nasali, resistere ai primi freddi e ai malanni di stagione. L’arrivo dell’inverno ci dà l’opportunità di scoprire i segreti e il gusto della salsa: una ricetta originale in grado di valorizzare la tavola, di rendere sfizioso un aperitivo, e, non da ultimo, di stupire famiglia e ospiti con un sapore inaspettato.

 

 



Stampa in PDF