Patate novelle, dolci e tenere primizie di primavera

Queste patate raccolte precocemente sono un’autentica delizia per il palato. Sono facilmente digeribili e meno caloriche rispetto alle patate che hanno raggiunto la maturazione 

Puglia

Le patate novelle sono una primizia di stagione. Raccolte entro la primavera, prima che la buccia cominci a indurirsi, sono un’autentica delizia per il loro sapore e preziose per le caratteristiche nutrizionali. Il tubero viene raccolto quando non è ancora completamente sviluppato e per questa ragione la polpa risulta molto tenera e la buccia estremamente sottile, tanto che la pelatura può essere evitata. Se però si preferisce togliere la buccia basterà sfregare  energicamente il prodotto tra le mani o con uno strofinaccio.

Le patate novelle non sono una varietà di patate, ma semplicemente ortaggi precoci il cui ciclo di semina e raccolta è particolarmente breve. Esistono dunque numerose varietà raccolte come patate novelle. Le più note sono quelle pugliesi: principalmente la varietà Sieglinde, seguita dalla Spunta e Nicola.

Fortemente legate al loro territorio di origine, tanto da essere inserite nell’elenco dei Prodotti agroalimentari tradizionali italiani (Pat), sono la patata novella di Galatina Dop, la patata novella campana, quella di Siracusa e di Messina.

Le piccole dimensioni e il sapore dolce e delicato rendono le patate novelle un prodotto molto amato. Dalla loro hanno anche caratteristiche nutrizionali particolarmente apprezzate. Essendo più ricche d’acqua rispetto alla patata matura sono anche meno caloriche (circa 70 kcal contro 85 kcal) e facilmente assimilabili. Sono ricche di vitamine del gruppo B (B1, B2 e B6), vitamine A, C, PP e acido folico. Contengono poi sali minerali come potassio, ferro, zinco, rame, fosforo, cromo e magnesio. Le patate novelle sono anche ottime alleate delle mucose gastriche, grazie alla loro capacità di attenuare i dolori allo stomaco e le gastriti. È consigliabile evitare di mangiarle crude perché contengono solanina, una sostanza tossica contenuta anche in altri ortaggi come pomodori, peperoni e melanzane.

Il sapore dolce delle patate novelle viene esaltato dalla cottura, soprattutto se avviene al forno o in padella, ma sono altrettanto deliziose cotte al vapore o lessate.

Grazie alla loro grande versatilità possono essere protagoniste di numerose ricette. Le patate novelle di Messina sono ad esempio utilizzate come contorno dell’insalata di polpo o nella “ghiotta di piscistoccu”, un piatto aromatico a base di stoccafisso, capperi, salsa di pomodoro, sedano e olive verdi. Le patate novelle di Siracusa sono utilizzate per la preparazione degli gnocchi e le fritture, mentre quelle campane sono ingredienti del “gattò”, il tipico sformato di patate con mozzarella e salame di Napoli.

Le patate novelle si prestano ad essere servite anche durante un aperitivo, magari farcite con salumi come speck o pancetta e ripiene con formaggi cremosi.



Stampa in PDF