Meloni e cocomeri: i frutti che non mancano mai d’estate

Questi frutti freschi e dissetanti, con un buon apporto vitaminico, sono perfetti per sconfiggere il caldo e la disidratazione che accompagnano i mesi più caldi dell’anno 

Emilia-Romagna

Deliziosi e dissetanti. Meloni e cocomeri, si sa, sono protagonisti indiscussi tra gli alimenti estivi. Leggeri e dissetanti aiutano ad affrontare l’afa nei mesi più caldi. Frutta e verdura sono infatti un ottimo rimedio per combattere la disidratazione e il caldo senza rinunciare al gusto. Un aiuto alla dieta che d’estate deve essere sì leggera, ma anche il più possibile rinfrescante, ricca di sali minerali, acqua e vitamine.

In Emilia-Romagna il protagonista della tavola diventa il melone: quest’ultimo è, assieme al cocomero, uno dei frutti più caratteristici di questo periodo. Rinfrescante e ricco di gusto, il melone è celebre per essere il frutto dissetante per eccellenza. È composto quasi dal 90% di acqua e possiede proprietà diuretiche. È ricco di vitamine – principalmente del gruppo A, C e B3 – e anche potassio, fosforo e calcio. Grazie alla Niacina, una proteina, viene inoltre considerato un grande antiossidante.

Lo stesso vale per il cocomero che è altrettanto ricco di sali minerali e acqua, e il cui apporto energetico è molto basso. Nei mesi più caldi, il cocomero favorisce l'idratazione corporea: i suoi liquidi possiedono una concentrazione osmotica tale per cui l’acqua e le proprietà in essa disciolte – come fruttosio e potassio – risultano facilmente assorbibili. Questo frutto è inoltre povero di sodio e, per ciò che riguarda le vitamine, la A e la C si rilevano in buone concentrazioni.

In estate, dunque, la tavola deve ospitare alimenti freschi e dissetanti, con un buon apporto vitaminico, per sconfiggere il caldo e la disidratazione. Il melone e il cocomero non sono solo perfetti per questo scopo, ma, grazie al loro gusto dolce e caratteristico, possono essere facilmente abbinati a tanti altri alimenti, per arricchire dessert, merende, macedonie e apertivi, senza rinunciare alla leggerezza. Per beneficiare pienamente delle proprietà di queste prelibatezze si consiglia tuttavia il consumo lontano dai pasti: dal momento che apportano una grande quantità d’acqua, il cocomero e il melone tendono a rallentare i processi digestivi, soprattutto dopo un pasto abbondante. Il momento migliore per godere del loro sapore e dei loro preziosi nutrienti è la tarda mattina, oppure a merenda, a metà pomeriggio, per rinfrescare una lunga e calda giornata di sole.



Stampa in PDF