Gli antichi segreti del Carrè Tirolese Igp

Questa specialità del Trentino-Alto Adige si distingue per il sapore dolce e delicato dovuto all’accurata lavorazione tradizionale 

Trentino Alto Adige

Specialità di una specialità, il Carrè tirolese Igp è una delle varietà di speck più apprezzate ed eleganti della tradizione altoatesina. Ne è stata fatta di strada da quando, molto tempo fa, questo salume veniva prodotto per soddisfare l’esigenza dei contadini, ovvero conservare la carne il più a lungo possibile. Oggi questa specialità del Trentino Alto-Agide è riconosciuta e richiesta in tutto il mondo, e non solo per il suo sapore inconfondibile: la passione e il rispetto per il metodo di lavorazione artigianale che caratterizza la sua produzione sono oggi più forti che mai – un processo che è garanzia di qualità, gusto ed eccellenza.

Alla base della sua unicità si trova una semplice, ma importante regola: “poco sale, poco fumo e molta aria fresca”. Una legge non scritta che contiene il segreto per la preparazione di un prodotto che non ha bisogno di presentazioni.

Il Carrè tirolese Igp è una delle versioni più raffinate di un prodotto già di per sé speciale, e si ottiene solo dai tagli di carne più magri e pregiati. A un’attenta selezione delle parti segue un’altrettanta minuziosa procedura: l’affumicatura, che è fondamentale, proviene infatti esclusivamente da legno di faggio, mentre l’essiccatura è affidata al paziente lavoro dell’aria delle montagne. Il Carrè tirolese Igp si distingue per un sapore dolce, delicato, che il prodotto acquista dopo una lenta stagionatura, tra le braccia del prezioso clima della regione.

Il miglior modo per gustare una prelibatezza come il Carré tirolese Igp è abbinarlo a un’altra tipicità del suo territorio, in un momento che può riunire intorno alla tavola amici e famigliari. Formaggi e vini bianchi del Trentino-Alto Adige si prestano, assieme al Carrè tirolese Igp, per una merenda o un aperitivo

 



Stampa in PDF