Fesa di manzo cotta, quando il sapore è attento alla dieta

Questo pregiato taglio di carne arrostita è ricca di proteine e povera di grassi. È ottima servita sia fredda che calda, magari accompagnata da salse dal sapore pungente 

Veneto

La fesa di manzo cotta è una specialità leggera e dal sapore dolce proposta anche al taglio. La morbidezza della carne è ottenuta grazie a una speciale cottura. La bassa temperatura di cottura conferisce alla fesa di manzo all’esterno il classico colore bruno di un arrosto di manzo, mentre al taglio la carne appare rosata, uniforme e priva di grasso. Il taglio di carne, la pregiata punta d’anca, è infatti particolarmente magro e apprezzato da chi è attento alla dieta.

Simile al roast beef, tipico prodotto inglese, la fesa di manzo viene salata a secco con l’aggiunta di aromi naturali e rosmarino. Proprio perché si tratta di un taglio di carne magro, il sapore delle spezie non è intenso e la fragranza della carne rimangono inalterati. Tagliata a fette e magari accompagnata da salse, la carne ha una consistenza morbida ed è particolarmente gradevole servita con rucola, pomodorini e qualche scaglia di Parmigiano Reggiano.

La fesa di manzo cotta può essere gustata fredda e tagliata a fette sottili come un comune affettato. È perfetta per preparare piatti gustosi e leggeri, antipasti o secondi e può essere gustata anche solo con un filo d’olio extravergine di oliva e, se graditi, limone o aceto balsamico. Per un piatto rapido e sostanzioso è ottima servita a fette più spesse e calde, magari accompagnate da aromi pungenti come la salsa al rafano o la mostarda.

Rafano, la radice balsamica dalle grandi doti

Mostarda veneta, purea di morbida frutta dal carattere forte

Al contrario di molti insaccati dall’alto contenuto di sodio e di sale, la fesa di manzo cotta è perfetta per una dieta ipocalorica. Mediamente il prodotto ha un apporto calorico di circa 103 calorie per 100 grammi con l’87,20% di proteine e il 15,73% di grassi.

A tavola può essere accompagnata da un buon Cabernet dal gusto fruttato, oppure da vini corposi come Merlot, Chianti, Valpolicella o Nebbiolo.



Stampa in PDF