Farina gialla bramata per un tocco rustico in cucina

Si ottiene dalla macinazione a grana grossa del mais ed è perfetta per realizzare polente tradizionali, ma anche impasti per pane, dolci e fritture

Emilia-Romagna

Farina gialla non significa solo polenta. Questo lo sanno bene i virtuosi dei fornelli, o gli chef di ogni latitudine, che non esitano a valorizzare questo ingrediente semplice e gustoso. Inoltre, il tutto si fa ancora più interessante se si sta parlando di farina gialla bramata, ottenuta da una macinazione a grana grossa del granturco. Il risultato è una specialità dal piglio rustico che, proprio per questa sua caratteristica, si presta ad essere protagonista di ricette tradizionali (specie legate alle regioni del Nord Italia), ma anche a nuove idee che vanno dai più svariati stuzzichini finger-food, al tocco antico che si può aggiungere agli impasti.

Quanto all’aggettivo “bramata”, è preso in prestito da una tecnica usata anche nella lavorazione del riso. Si tratta della sbramatura: procedimento con cui si toglie la prima buccia del riso, usando un attrezzo chiamato sbramino o bramino. Per la farina gialla, tale processo corrisponde alla sgusciatura del granturco prima della macinazione. La miscela bramata ottenuta può essere più o meno dura, e a grana più o meno grossa, a seconda delle tradizioni regionali. Ci si può imbattere infatti in varietà più raffinate, usate in larga parte nelle regioni centrali della Penisola e in Friuli Venezia Giulia dove, ad esempio, le preparazioni a base di polenta tendono ad avere sfumature più delicate.

La farina gialla bramata è ottima per la preparazione di primi piatti, soprattutto della polenta – tipica del Nord Italia. La polenta bramata è infatti un piatto bergamasco, molto diffuso anche nel veronese. Il suo gusto è versatile e si presta ad accompagnare una gran quantità di secondi a base di carne, funghi e tartufi. Nella sua veste più morbida (detta al cucchiaio) è abbinata a differenti sughi tra cui ragù, fonduta di formaggi, sughi di pesce o di selvaggina. Una volta raffreddata, la polenta può anche essere tagliata a fette e grigliata, o passata al forno per una versione ancora più stuzzicante. Infine, questa farina gialla bramata è ideale anche da aggiungere a impasti di pane, focacce e dolci di cui sa rendere il composto ancora più rustico e gustoso. Lo stesso vale per le panature che si presenteranno ancora più croccanti.



Stampa in PDF