In cerca del blend perfetto

Le caratteristiche di pregio dell'olio derivano dall'equilibrio nel mix di varietà di olive

Puglia

Ogni oliva ha la propria personalità. A seconda della cultivar (ovvero della varietà), dell'oliveto, dell'annata o del periodo della raccolta, cambiano il sapore, il profumo e l'intensità dell'olio prodotto.

Per ottenere un buon extravergine è necessario individuare un mix bilanciato che rispetti le caratteristiche organolettiche positive di ogni olio originario, dall'aroma fruttato o floreale (per esempio gli oli pugliesi contengono sentori erbacei, mentre quelli siciliani presentano odori del picciolo del pomodoro), al retrogusto amarognolo e pungente dovuto alla presenza di polifenoli, antiossidanti naturali dalle molte virtù nutrizionali.

Il blend, ovvero la miscela di diverse varietà di olive, serve a dare armonia agli oli e a caratterizzarli, amplificandone i profumi ed equilibrando l'amaro e il piccante, con l'obiettivo di garantire una stabilità al consumatore anno dopo anno.



Stampa in PDF