Broccoli, broccoletti, cime di rapa: non facciamo confusione

Questi ortaggi dalle grandi virtù sono protagonisti della cucina invernale. Ecco come portarli in tavola con le dovute differenze 

Puglia

Broccoli e cime di rapa sono ortaggi invernali dalle preziose virtù e la grande versatilità in cucina. Fanno parte della famiglia delle Crucifere (o Brassicacee) e sono alleati di una dieta sana ed equilibrata. Entrambi sono verdi e croccanti, ma non devono trarre in inganno: nonostante le cime di rapa, in certe regioni, siano chiamate anche broccoletti, restano comunque una specialità che si distingue dai broccoli veri e propri.

Per non fare confusione è bene sapere che il cavolo broccolo (varietà Italica di Brassica Oleracea) è caratterizzato da un fusto corto e inflorescenze compatte di colore verde intenso. Sono proprio queste ultime che diventano ingredienti d’innumerevoli piatti quando non sono ancora del tutto mature. Parlando invece delle cime di rapa si fa riferimento a una varietà di Brassica rapa coltivata in Italia specialmente sulle terre della Puglia, ma anche nel Lazio, in Molise, Campania e Calabria. Della pianta si gustano le inflorescenze ancora in boccio e le foglioline più tenere che, nei vari territori, diventano protagoniste di ricette tradizionali differenti.

È tempo di cavoli... anche per i più piccoli!

Broccoli e cime di rapa, per le loro proprietà antiossidanti e depurative, sono anche perfetti alleati per una dieta sana e per chi vuole ritrovare l’equilibrio a tavola. Entrambe sono ricche di fibra e apportano clorofilla, vitamine A, C e K, polifenoli e flavonoidi, ma anche magnesio e acido folico. Questi ortaggi inoltre aiutano a regolare l’attività dell’intestino e sono utili per remineralizzare l’organismo e rafforzare le difese immunitarie. Il tutto senza rinunciare al gusto. Il broccolo ha infatti un sapore marcato (più intenso rispetto al suo parente cavolfiore) e una buona consistenza. Si cucina saltato in padella con olio extravergine di oliva, oppure gratinato, ma anche come ingrediente principe di minestre, zuppe o pastasciutte a cui si possono aggiungere filetti di acciughe per esaltarne il sapore. Per mantenere intatte le sue proprietà organolettiche e le virtù nutritive, la cottura più adatta è quella al vapore, ma il broccolo sa farsi valere anche a crudo, tritato fine in insalata o aggiunto a un pinzimonio diverso dal solito.

Le cima di rapa hanno da sempre un posto d’onore nella cucina tradizionale del Sud, in particolare in quella pugliese dove spiccano le celebri orecchiette alle cime di rapa, oppure gli strascinati, altra pasta della tradizione che si accompagna di norma con quest’ortaggio, poi le immancabili rape stufate solo per citare alcune delle tante ricette. Anche le cime di rapa possono essere cotte al vapore, oppure bollite, e poi fatte saltare con aglio, olio extravergine d’oliva e peperoncino, oppure condite un tocco di limone. Sono infine ottime come ingrediente di frittate e contorni, o nelle zuppe con i legumi per un tocco di gusto e benessere.

Non c'è tavola pugliese... senza orecchiette

 



Stampa in PDF