Amaretto di Modena, la tradizione che tiene il passo della modernità

I genuini ingredienti del territorio modenese si trasformano nel più fragrante dei biscotti artigianali 

Emilia-Romagna

L’amaretto di Modena è un prodotto di piccola pasticceria da forno, un grazioso biscottino dall’inconfondibile dolcezza e sapore di mandorla. Le sue origini si perdono nell’800 della tradizione dolciaria modenese, nel cuore dell’Emilia-Romagna, e tengono conto di dosi e metodi di preparazione diversi se ci si sposta da una località all’altra, o da un laboratorio di pasticceria ad una cucina di famiglia. L’intenso gusto dell’amaretto si ottiene grazie alla combinazione di mandorle dolci e mandorle armelline – ricavate dai noccioli delle albicocche e delle pesche – insieme a zucchero e albume d’uovo.

D’aspetto tondeggiante, è costituito da una pasta morbida, friabile e profumata di note zuccherine, mentre in superficie risulta rugoso e screpolato, il che non è certo da considerarsi un difetto, bensì un segno della sua artigianalità.

Gli amaretti modenesi si presentano incartati uno ad uno, in pratiche monoporzioni trasparenti che mantengono intatta la loro fragranza, oppure racchiusi all’interno di veline colorate, o ancora in bellissime scatole di latta decorate.

Ogni variante dell’amaretto di Modena conserva la qualità delle materie prime, nel rispetto della tradizione, e si arricchisce di nuovi profumi e ingredienti per accontentare i gusti di una clientela sempre più attenta all’innovazione e alla sperimentazione di nuovi abbinamenti. Ecco allora l’amaretto al sapore di agrumi, con gocce di cioccolato, o arricchito con granella di pistacchio, frutta e spezie. Una confezione assortita di amaretti modenesi è la scelta più azzeccata per un dolce presente.

L’amaretto modenese è adatto al fine pasto serale, abbinato ad un digestivo secco o ad un vino da degustazione, e si sposa con la panna fresca montata per trasformarsi in vero e proprio dessert. È un peccato di gola senza troppi sensi di colpa vista la genuinità e la semplicità dei suoi ingredienti: si accompagna ad un thè caldo all’ora della merenda durante la stagione più fredda, mentre al lavoro, grazie alla comodità della monoporzione, diventa una pausa elegante per chi non vuole rinunciare al gusto.

Sul mercato dell’enogastronomico italiano, l’amaretto di Modena è un pasticcino tra i più apprezzati, ed è considerato una delle specialità del made in Italy dal mercato estero.

 

 



Stampa in PDF