IMPEGNO COOP

La marmellata più dolce dalle donne di Srebrenica

L’eccidio di Srebrenica è una delle tragedie europee più gravi dopo la Seconda Guerra Mondiale: migliaia di persone sono state colpite al cuore e l’economia della zona messa in ginocchio. Per convincere le famiglie a tornare sul territorio martoriato è nata a Bratunac una cooperativa tutta al femminile che ha sviluppato un progetto per la coltivazione dei piccoli frutti.
 
“Questo tipo di agricoltura - racconta la presidentessa Radmila Žarkovic? - esisteva come attività secondaria delle famiglie del luogo. Con questo progetto è stato possibile recuperare il tessuto economico ma anche quello sociale e politico. La nostra cooperativa pratica una pace concreta. Se qualcuno è in stato di necessità difficilmente riesce a sentire l’altro, ad aprirsi. Noi abbiamo recuperato i fili della dignità e dell’umanità dentro ognuno di noi attraverso il lavoro. Solo così potevamo trovare la voglia di ascoltare il dolore dell’altro. Adesso sembra normale, perché sono passati 10 anni, ma all’inizio è stato difficile comunicare, anche solo per organizzare piccoli momenti di festa per “cantare e piangere insieme”.

Attualmente il progetto coinvolge ben 500 famiglie che coltivano solo ciò che possono raccogliere. In un primo momento si occupavano solo dello stoccaggio del prodotto, ora invece producono anche una linea di marmellate, chiamata “Frutti di Pace”, che in Italia viene commercializzata anche da Coop Consumatori Nordest negli Ipercoop e nei supermercati più grandi.
 
Per conoscere meglio la storia della marmellata della pace, la presidentessa della cooperativa intraprenderà un tour nei centri commerciali italiani per incontrare scuole, consumatori, e soci. Sarà disponibile:
  • 4 marzo a Parma presso l’Ipermercato “Eurosia”
  • 5 marzo a Reggio Emilia presso l’Ipermercato “Ariosto”
  • 7 marzo a Pordenone presso l’Ipermercato “La Favorita”
  • 8 marzo a Villesse presso l’Ipermercato “Le Tiare Shopping”
 
 
Per maggiori informazioni