Quattro modi per cuocere e gustare le castagne

Arrostite sul fuoco o bollite in acqua salata, ecco qualche consiglio per cucinare al meglio le regine dell’autunno

alternative in cucina

Che siano arrostite davanti al fuoco, bollite in acqua salata o sgranocchiate in qualche città d’arte, una cosa è certa: le castagne restano tra le indiscusse regine della stagione. Ecco allora qualche consiglio per cucinare e gustare al meglio questa specialità dal sapore d’autunno.

Bollite in acqua salata
Il metodo più veloce per cucinare le castagne è quello di farle bollire con tutta la buccia in acqua salata. Occorre mantenerle sul fuoco per circa quaranta minuti a partire dall’inizio dell’ebollizione. Per sbucciarle più facilmente una volta pronte, si può aggiungere un cucchiaio di olio di oliva all'acqua prima della cottura. Una curiosità: se volete capire se le castagne sono fresche o vecchie, basta immergerle per alcune ore nell'acqua: quelle buone restano infatti sul fondo del recipiente, mentre è meglio scartare quelle che tornano in superficie.

Caldarroste
Per cucinare le amate caldarroste si può utilizzare la classica padella forata sul fornello o - ancora meglio - sul fuoco a legna. Questa andrà coperta con un coperchio pesante e scossa spesso per evitare che le castagne brucino o si cuociano solo da una parte. Il tempo di cottura è di circa una mezz'ora. Prima di finire in padella le castagne devono essere incise con un taglio poco profondo di due o tre cm di lunghezza per evitare che scoppino a causa del troppo calore. Meglio inciderle sulla parte bombata della buccia dura, cercando di non intaccarne la polpa. Per sapere quando togliere le caldarroste dal fuoco occorre invece osservarne la buccia: quando appare abbrustolita è tempo di mangiarle.

Castagne arrostite al forno
Al forno le castagne sono saporite e pratiche, ma tendono ad asciugarsi molto di più rispetto a quelle cotte sul fuoco diretto. Per limitare questo problema è consigliabile usare una temperatura di 220 gradi per un tempo che può variare dai quindici ai venticinque minuti a seconda della dimensione della castagna. Come le caldarroste, anche le castagne al forno vanno incise prima della cottura con un taglio poco profondo. E di nuovo è bene scuotere la teglia ogni tanto per evitare che si brucino o si cuociano solo su un lato.

Lessate senza buccia o solo con la pellicina
Per la lessatura si possono utilizzare le castagne secche (e completamente sbucciate) che saranno lasciate in ammollo in acqua tiepida per tutta la notte. Si mettono quindi a lessare in acqua facendole bollire per circa quaranta minuti o un’ora. Questa scelta consente di gustare questa delizia autunnale tutto l’anno e di aromatizzarle utilizzando erbe e sapori nell’acqua di cottura. Nello stesso modo è possibile utilizzare castagne fresche ma private della buccia superficiale.



Stampa in PDF